(foto di Consorzio Turistico Occhiblu)

 

Aspettavo il week end del 17 – 19 maggio da mesi, da quando mi era stato detto che sarei tornata in Liguria.

Oramai si sa, per me la Liguria è un po’ una seconda, terza, quarta casa. Lo è diventata negli anni, più di dieci, perché patria di persone con le quali sono cresciuta, casa della mia squadra del cuore e, soprattutto, perché ha dei territori magici.

Non sarò a Genova, città che più di tutte porto nel cuore, ma sarò a Levanto, una piccola realtà turistica della Liguria del Levante che ho già avuto modo di visitare da piccina, di passaggio.

Ci tornerò per partecipare ad un blogtour curato da Officina Turistica e dallo Studio Giaccardi & Associati di Ravenna e sono felicissima. Perché è un regalo che mi vien fatto quello di tornare in Liguria per poterla raccontare a chi mi legge.

Purtroppo le previsioni del tempo sono un po’ contro di noi, ma non demordiamo!

Venerdì sera appena arrivati saremo a cena alla Cantina di Beppe, un posto caratteristico e, da quel che mi è stato detto, anche piuttosto particolare. Adoro queste cose!

Sabato mattina smaltiremo la cena, che sarà a base di coniglio alla ligure (olive e pinoli), acciughe e verdure ripiene, bruciatella e passito, facendo una bella biciclettata nel tracciato della vecchia ferrovia, adesso meravigliosa pista ciclabile sul mare, da Levanto a Bonassola e Framura(recentemente bandiera blu 2013 delle migliori spiagge italiane).

Se il tempo sarà clemente (E io lo spero) festeggeremo anche il primo bagno al mare della stagione della sottoscritta, nelle acque di Bonassola.

Nel pomeriggio poi la foodblogger che è in me sarà felicissima: imparerò a fare i Gattafin! Se non sapete cos’è, vi basti sapere che è una produzione locale e che ne è pure stato registrato il marchio dalla Associazione Sapori di Levanto.

Ciò che prepareremo, sarà la cena della sera all’Hotel Europa dove soggiornerò, insieme a: Acciughe salate su peperoni a forno, Panissa, Mandilli de séa al pesto, Bagnun di acciughe, Semifreddo al limone e basilico. Quindi sarà il caso che ci vengano bene!

Sempre il sabato visiteremo la bottega dello scultore Renzo Bighetti e il centro storico di Levanto.

Ma non finisce qui.

mappa_2011

Verremo messi alla prova domenica 19 maggio. Come? Partecipando alla mangialonga di Levanto. Solo a pensarci il mio stomaco vuole l’asilo politico altrove. Una vera e propria maratona mangereccia!

Faremo giusto quei 15 km fermandoci in delle tappe prestabilite, in cui degusteremo i prodotti tipici liguri tipo:

RIDAROLO: Focaccia alla salvia
FONTONA: Acciughe salate
CHIESANUOVA: Verdure ripiene
LEGNARO: Trofie al pesto
SAN BARTOLOMEO: Stoccafisso in umido
PASTINE: Cima alla genovese
VIGNANA: Gorgonzola e miele
LERICI: Fragole al vino
GIARDINI: gelato, caffe e limoncino

 

Non so quanto riuscirò a testimoniare, visto che questi sono alcuni dei miei piatti preferiti in assoluto (la focaccia potrebbe essere il mio unico modo di alimentarmi ed io sarei felicissima!), ma ci proverò e voi potrete seguirmi così:

 

#levanto13 @laciccina @laciccina  @laciccina

Post Author: laciccina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

I cantucci di Prato

Avete mai sentito parlare dei cantuccini toscani? Bene, oggi voglio

Azienda vinicola di famiglia: Agrisole a San Miniato

Quando sono andata a San Miniato per la Mostra Mercato

Le Vespe Cafe a Firenze: un posto perfetto per il brunch

Lo ammetto: non ho mai fatto dei veri e propri